Piazze, edifici storici

Condividi su facebook stampa invia email

Uno sguardo alle vetrine dei negozi e un po’ di shopping possono rivelarsi particolarmente piacevoli tra vicoli, piazze, antichi palazzi del centro storico, intorno a quello che tradizionalmente veniva chiamato il “Giro d’Empoli” e che comprendeva piazza Farinata degli Uberti, via Giuseppe del Papa, via Ridolfi e via del Giglio.

A pochi passi dalla centrale e scenografica piazza Farinata degli Uberti, su cui si affacciano la Collegiata di Sant’Andrea, con l’adiacente Museo della Collegiata, il Palazzo Ghibellino ed il Palazzo Pretorio, è possibile scoprire suggestivi scorci impreziositi da tabernacoli, come quello incastonato nella parete di laterizi dell’ex magazzino del sale, tracce delle antiche mura cittadine, testimoniate anche dal toponimo via delle Murina, eppoi il vicolo di Santo Stefano e il vicolo della Gendarmeria…

Escursioni nei dintorni, nelle vicine località di Pontorme e di Monterappoli, o lungo la via Salaiola, possono riservare piacevoli sorprese, non solo ripercorrendo gli antichi luoghi del sacro, tra chiese e conventi, cappelle, oratori, ma anche per la gradevolezza del paesaggio punteggiato da testimonianze di insediamenti medievali, come il Torrino di Montepaldi, e da splendide ville, come la Villa Del Vivo, la Villa Il Terraio!


Curiosità - Il giro d’Empoli

Luogo degli incontri, salotto buono della città, il “giro d'Empoli” è la passeggiata cittadina, paragonabile a quella che altrove si chiama "vasca" o "struscio".  Comprendeva piazza Farinata degli Uberti, canto Pretorio, via Giuseppe Del Papa, via Cosimo Ridolfi e via del Giglio.

Fino a non moltissimi anni fa, gli uomini percorrevano questo circuito in senso antiorario, verso destra, se si tiene come punto di riferimento la facciata della Collegiata, mentre le donne lo percorrevano in senso inverso: così potevano vedere in faccia quando si incontravano!