Vincenzo Salvagnoli

Condividi su facebook stampa invia email

Vincenzo Salvagnoli (Empoli, 1802 – Pisa, 1861

bianco empoleseGiurista, intellettuale e politico, in contatto con personaggi come Gino Capponi, Camillo Benso, conte di Cavour e Stendhal, fu tra i fondatori del Gabinetto Vieusseux, esponente dell’Accademia dei Georgofili. Per le sue idee liberali, fu imprigionato nella Fortezza Vecchia di Livorno. Nel 1859 fu nominato ministro degli Affari Ecclesiastici in Toscana. Svolgendo questo incarico, si impegnò nella costituzione del Museo della Collegiata di Sant’Andrea. Nel 1860 fu nominato senatore del Regno d’Italia. Morì l’anno successivo, due giorni dopo la proclamazione del Regno. E’ sepolto nel Camposanto monumentale di Pisa.